Cerca
  • gabrielefragasso

Lavorare troppo fa male, soprattutto dopo un infarto!

I pazienti che lavorano fino a 55 ore alla settimana dopo un infarto del miocardio (IM) possono aumentare il rischio di recidiva, suggerisce un nuovo studio.


Per un periodo di 6 anni, i ricercatori hanno studiato quasi 1000 pazienti di età inferiore a 60 anni che sono tornati al lavoro dopo un primo IM. Quelli che lavoravano 55 ore a settimana o più avevano un doppio rischio di eventi ricorrenti di malattia coronarica (CHD), rispetto a quelli che lavoravano da 35 a 40 ore a settimana.


Il rischio aumentava ulteriormente quando le lunghe ore lavorative erano combinate con fattori di stress psicosociali sul lavoro o con peggiori fattori di rischio legati allo stile di vita, come il fumo, l'assunzione di alcol e l'inattività fisica.


"L'effetto dannoso di lavorare molte ore dopo un attacco di cuore è paragonabile al peso del fumo attuale", l'autore senior Alain Milot, MD, MSc, professore associato, Dipartimento di Medicina, Laval University e ricercatore clinico, salute della popolazione e salute ottimale ha dichiarato a theheart.org, Axis Vascular Diseases Centre, Centre Hôpital Saint-François d'Assise CHU de Québec, Quebec City, Canada | Cardiologia Medscape.


J Am Coll Cardiol. 2021;77:1616-1625

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Oggi, 04-01-2021, presso l'Ospedale San Raffaele di Milano, in quanto medico "anziano" ed esposto ad alto richio di contagio da Covid-19, ho ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer-BioNTech, insieme