top of page
Cerca
  • gabrielefragasso

Lavorare troppo fa male, soprattutto dopo un infarto!

I pazienti che lavorano fino a 55 ore alla settimana dopo un infarto del miocardio (IM) possono aumentare il rischio di recidiva, suggerisce un nuovo studio.


Per un periodo di 6 anni, i ricercatori hanno studiato quasi 1000 pazienti di età inferiore a 60 anni che sono tornati al lavoro dopo un primo IM. Quelli che lavoravano 55 ore a settimana o più avevano un doppio rischio di eventi ricorrenti di malattia coronarica (CHD), rispetto a quelli che lavoravano da 35 a 40 ore a settimana.


Il rischio aumentava ulteriormente quando le lunghe ore lavorative erano combinate con fattori di stress psicosociali sul lavoro o con peggiori fattori di rischio legati allo stile di vita, come il fumo, l'assunzione di alcol e l'inattività fisica.


"L'effetto dannoso di lavorare molte ore dopo un attacco di cuore è paragonabile al peso del fumo attuale", l'autore senior Alain Milot, MD, MSc, professore associato, Dipartimento di Medicina, Laval University e ricercatore clinico, salute della popolazione e salute ottimale ha dichiarato a theheart.org, Axis Vascular Diseases Centre, Centre Hôpital Saint-François d'Assise CHU de Québec, Quebec City, Canada | Cardiologia Medscape.


J Am Coll Cardiol. 2021;77:1616-1625

37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA FORMA ICONICA RAPPRESENTA LA FORMA VERA DEL CUORE

Un articolo recentemente pubblicato sul Journal of Visual Communication in Medicine, ha finalmente fatto luce sull'origine della forma simbolica del cuore. Infatti l'icona classica del cuore apparente

Kommentare


Post: Blog2_Post
bottom of page