Cerca
  • gabrielefragasso

Fried-food consumption and risk of cardiovascular disease and all-cause mortality: a meta-analysis

Fried-food consumption may increase the risk of cardiovascular disease and presents a linear dose–response relation.

The findings may support public health recommendations to control fried-food intake for preventing CVD.

http://dx.doi.org/10.1136/heartjnl-2020-317883


Questo articolo appena pubblicato su Heart, conferma quanto aneddoticamente già noto: i fritti fanno male, al cuore e alla salute in generale. Gli autori dello studio, riconoscendo le limitazioni metodologiche della loro analisi e degli studi analizzati, propugnano ulteriori ricerche in proposito. Spero che nessun altro si metta ad utilizzare tempo prezioso per stigmatizzare quello che sappiamo già.


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

I pazienti che lavorano fino a 55 ore alla settimana dopo un infarto del miocardio (IM) possono aumentare il rischio di recidiva, suggerisce un nuovo studio. Per un periodo di 6 anni, i ricercatori ha

Oggi, 04-01-2021, presso l'Ospedale San Raffaele di Milano, in quanto medico "anziano" ed esposto ad alto richio di contagio da Covid-19, ho ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer-BioNTech, insieme